Disagio della civiltà

Nella tensione tra la civiltà e l'individuo, l'attrito principale, secondo Freud nel suo Il disagio della civiltà, nasce dalla ricerca, da parte dell'individuo, della libertà istintiva mentre la civiltà tende a richiedere l'esatto contrario ovvero una limitazione della libertà istintuale degli individui che la compongono. Da qui, il mito della wilderness e la fuga nella natura che ha, nella cultura americana, profondi legami con il pensiero e l'opera di Henry David Thoreau, secondo il quale, la natura non è un semplice strumento per il raggiungimento di conoscenze ideali di ordine superiore, bensì oggetto ultimo della pratica filosofica, fonte di benessere e soluzione esistenziale.